Bimestrale di informazione economica abruzzese
GLI ARROSTICINI DI JUBATTI CARNI A FICO EATALY WORLD
jubatti_arrosticini_fico_eataly_chioscojubatti_arrosticini_fico_eataly_bolognajubatti_arrosticini_fico_eataly_pubblicojubatti_arrosticini_fico_eataly_taglio_nastrojubatti_arrosticini_fico_eataly_interno

di Elena Gramenzi

Apre a Bologna Fico Eataly World (Fabbrica italiana contadina), con un chiosco per gli arrosticini abruzzesi di Jubatti Carni.

JUBATTI CARNI AMBASCIATRICE DELL’ARROSTICINO A FICO EATALY WORLD

Oggi a Bologna, Eataly World lancia Fico (Fabbrica italiana contadina): il più grande parco agroalimentare del mondo, con dieci ettari di estensione, che coinvolge 150 aziende del food italiano e racchiude la meraviglia della biodiversità del nostro Paese. Fico si configura come un’autentica Disneyland del cibo italiano e il patron di Eataly, Oscar Farinetti, ha dichiarato di voler partire proprio dalla tradizione: «La nostra diversità agroalimentare è unica al mondo». Fico Eataly World ti trasporta in un mondo fatto di profumi, bellezza, sapori e racconti della storia del patrimonio italico. L’obiettivo è proprio quello di raccontare al mondo l’eccellenza enogastronomica e la bellezza dell’agroalimentare italiano, per questo è stata scelta una storica azienda abruzzese, che opera dal 1945 ai piedi della Majella: Jubatti Carni (leggi anche http://www.abruzzomagazine.it/weber-grill-academy-abruzzo-jubatti/). Una platea internazionale potrà così conoscere quello che sarà lo street food del futuro: l’arrosticino. Seppur di origini antiche (nati in Abruzzo agli inizi del novecento grazie ai pastori durante la transumanza), gli arrosticini conquistano ogni palato con il loro sapore e profumo.

IL CHIOSCO JUBATTI CARNI ALL’INTERNO DI FICO EATALY WORLD

Jubatti Carni porta a Fico il piatto tipico regionale più apprezzato in Italia e all’estero: gli arrosticini abruzzesi di pecora, preparati secondo tradizione. Lo street food del futuro si ispira, quindi, alla storia e Jubatti Carni diviene l’ambasciatore delle “rostelle” dall’originale gusto, preparate con carne di pecora di razza selezionata e lavorata secondo la tipica tradizione abruzzese e cotte sulle “canaline” integrate nel braciere di un chiosco assegnatoli in esclusiva all’interno di Fico. Ad accompagnare i pasti dei visitatori vi sono l’immancabile pane artigianale, condito con olio extravergine d’oliva di provenienza regionale, e il Montepulciano d’Abruzzo. Nella presentazione alla stampa, avvenuta qualche giorno fa in anteprima, numerosi giornalisti, incuriositi ed ingolositi, si sono avvicinati con entusiasmo al chiosco Jubatti che, come ha dichiarato il direttore generale, Francesco Iubatti, si prefigge di far conoscere, non solo un gusto tipico, ma un vero e proprio pezzo di storia italiana proveniente dall’Abruzzo: «Siamo orgogliosi e onorati di essere chiamati da Eataly World. Per la nostra azienda e per la nostra famiglia significa aver raggiunto un grande traguardo, che ci prepariamo a onorare con un grande senso di responsabilità nei confronti della nostra regione».

LA QUALITÀ ABRUZZESE DI JUBATTI CARNI A FICO EATALY WORLD

L’azienda Jubatti muove i primi passi nell’antico borgo abruzzese di Guardiagrele (Chieti), ai piedi della Majella, grazie alla dedizione e alla passione di una famiglia che è stata capace di trasformare una macelleria di paese in un’affermata industria. La carne Jubatti è sinonimo, dunque, di qualità, amore e tradizione, essendo ancorata a valori come il rispetto e la salubrità del cibo ed essendo sempre protesa verso il futuro e le nuove esigenze dei consumatori, offrendo prodotti altamente controllati e sani. Gli arrosticini Jubatti vengono preparati con la massima cura e attenzione, utilizzando esclusivamente carni di ovini nati e allevati presso gli allevamenti aderenti all’associazione regionale allevatori d’Abruzzo, seguendo i metodi della pastorizia tradizionale. Con l’apertura di Fico Eataly World, Jubatti Carni porta tutto il gusto della storia d’Abruzzo per diffonderlo a livello internazionale, facendo conoscere non soltanto un prodotto, ma un vero e proprio stile di vita, «per riempire non solo i palati – come ha commentato Francesco Jubatti , ma anche il cuore e l’anima di chi li assaggia».