PAIL STORIA D’AMORE DEL MADE IN ITALY

di Andrea Beato

La festa per i 60 anni di Pail. L’impegno dell’intera famiglia Pellegrini ha portato oggi l’azienda a essere tra le prime cinque imprese italiane nel mondo produttrici di porte per interni e serramenti.

UN GRANDE EVENTO PER FESTEGGIARE I 60 ANNI DI ATTIVITÀ

Pail, leader nella produzione di porte e serramenti, ha compiuto i suoi primi 60 anni. Traguardo celebrato con un grande evento all’interno dello showroom aziendale Casa Pail ad Atessa (Chieti). Madrina dell’evento Jennifer Di Vincenzo, volto dell’emittente abruzzese Rete 8, e ospite d’onore il tenore Piero Mazzocchetti. Serata ricca di emozioni, con la famiglia Pellegrini circondata dall’affetto di amici, dipendenti e collaboratori, agenti, partner e clienti storici per ripercorrere questo lungo cammino.

LE ORIGINI IN UNA BOTTEGA ARTIGIANALE

Pail è l’acronimo di “Pellegrini Amerigo Industria Legno” e già dal nome definisce il forte legame con il suo fondatore e indica il settore di riferimento. Amerigo Pellegrini, figlio di ebanista, inizia la sua attività, con ingegno e intuizione, nel 1963, in un piccolo laboratorio di 100 metri quadrati. A soli 18 anni si iscrive alla Camera di commercio. La sua piccola bottega artigianale è il primo trampolino di lancio per espandere la produzione nel piccolo paese, poi in provincia, in seguito sul territorio italiano, per arrivare oggi in ogni angolo del mondo. Il suo essere visionario e il suo spirito imprenditoriale, portano Amerigo Pellegrini ad anticipare i tempi, comprendere le potenzialità e la necessità derivate dal boom economico, nella produzione di porte ed infissi fondamentali per le imprese e per le infrastrutture italiane. Dal 1963 la famiglia Pellegrini lavora specializzandosi, sempre più, nella produzione di porte e finestre, grazie anche all’apporto dei nuovi artigiani che contribuiscono alla crescita dell’azienda famigliare. La qualità Pail è da subito una garanzia e i ritmi di produzione diventano sempre più veloci e le richieste maggiori.

NEGLI ANNI ’80 L’INGRESSO DELLA SECONDA GENERAZIONE IN AZIENDA

Negli anni ’70 Amerigo Pellegrini inaugura il primo capannone di 1.000 metri quadrati, dedicato a tutte le fasi produttive: dall’ideazione alla consegna del prodotto finito. L’evoluzione creativa e produttiva è accompagnata anche dalla passione familiare, che si amplia grazie all’impegno di Amerigo e della moglie Antonietta, i quali trasmettono ai propri figli l’amore per questo lavoro, tanto da spingerli a passare le stagioni estive all’interno della produzione, per conoscere i procedimenti e capire i segreti della realizzazione di porte da interni e di infissi di qualità. Nel 1983 e nel 1987 i figli, Sandro e poi Fausto, entrano in azienda: il primo nella mansione di addetto alla produzione e nel settore acquisti, il secondo si inserisce nello sviluppo del prodotto con grande creatività e nell’ampliamento della rete di vendita. Negli anni ’80 Pail si afferma nel campo imprenditoriale e il valore del brand si consolida portando avanti la tradizione, le tecniche artigianali e l’innovazione. Tra gli anni ’80 e i primi anni ’90 si rivolge al pubblico degli showroom, un segmento di mercato nuovo, con diversi obiettivi da raggiungere.

IL CONNUBIO TRA PRIMA E SECONDA GENERAZIONE SI RAFFORZA NEGLI ANNI 2000

L’integrazione della famiglia Pellegrini nell’azienda Pail si completa con l’ingresso, nel 2003, del figlio Paolo, nel settore dell’amministrazione, finanze e controllo, dopo una lunga gavetta in ambito commerciale. Nel 2008 è la volta della figlia Emanuela, che si dedica alla promozione marketing e alla comunicazione aziendale. La prima e seconda generazione creano insieme un connubio perfetto tra le conoscenze artigianali e l’innovazione nascente, per la realizzazione di porte da interno e infissi sempre più funzionali, con materiali innovativi e un’estetica accattivante.

COLLEZIONE DOLCEVITA, UN TRIBUTO AL LEGNO

Nel 2012, grazie all’attenzione verso la vendita diretta, nasce la collezione Dolcevita, caratterizzata da prodotti interamente in legno. La collezione è la sintesi del lavoro di oltre 100 dipendenti, che si muovono tra reparti automatizzati e artigianali in un capannone di 50mila metri quadrati. Questa collezione permette alla Pail di ampliare il suo mercato e andare oltre i confini nazionali, costruendo con il mercato internazionale il 35% del fatturato totale. Le linee di porte per interni sono sempre più personalizzabili grazie alla flessibilità interna dell’azienda, che permette una caratterizzazione totale del prodotto, dalla progettazione alla finitura.

AMERIGO PELLEGRINI, IMPRENDITORE PLURIPREMIATO

La lungimiranza e l’ingegno di Amerigo Pellegrini diventano veri e propri riconoscimenti, come il Mercurio d’oro per i meriti imprenditoriali consegnato dalla Camera di commercio di Chieti e la laurea honoris causa in Tecnica commerciale e industriale ricevuta nel 2004. Amerigo Pellegrini, come imprenditore di successo, riceve nel 1990 anche l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica, direttamente dal presidente Cossiga e dall’onorevole Andreotti. La produzione Pail si contraddistingue dagli albori per eleganza estetica e qualità dei materiali, dove l’artigianalità si evince dai dettagli, e le nuove tecnologie sono di supporto per ampliare la funzionalità e la resistenza di ogni porta per interni ed infissi.

I NUMERI DI UNA STORIA DI SUCCESSO

L’eccellenza Pail deriva dalla sua lunga storia, dall’esperienza e dalla conoscenza delle materie prime e delle tecniche di lavorazione. In 60 anni Pail ha coltivato il suo know-how coinvolgendo in ogni settore un membro della famiglia, che dirige con passione ed impegno la propria divisione. Tutte caratteristiche che permettono a Pail di essere sempre più riconosciuta e apprezzata sul territorio nazionale ed estero. Ogni anno vengono realizzate oltre 90mila porte in legno per interni e 5mila infissi per esterni in legno e legno/alluminio, impegnando 120 collaboratori in una produzione interna e 100% made in Italy. Questi i numeri di un immenso successo!

Per leggere la versione integrale dell’articolo passa in edicola e acquista Abruzzo Magazine.